Internet Time
Cerca con Karate.IT
WebKarate.IT
Sito Ufficiale del Karate Italiano

Today's date:

giovedì 24 ottobre 2019

Aforismi

"Dubitate di chi ha solo grandi certezze e riponete fede in chi ha anche dei seri dubbi, in quanto la vera saggezza sta anche nel saper riconoscere la propria ignoranza, ne fu un classico esempio il grande filosofo greco Socrate, alla base della cui sapienza stava la consapevolezza di sapere di non sapere nulla." -- Xavier Wheel

Previsioni meteo
Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Propositi di fine anno. Un dramma verso noi stessi. PDF Stampa E-mail
Ogni fine anno, allo scoccare della mezzanotte, succede che quasi tutti abbiano in mente una serie di propositi per l'anno nuovo, nati dalla consapevolezza degli eventi trascorsi durante l'anno o gli anni precedenti. La nostra mente si comporta in quel momento come un sistema complesso che associa tutte le precedenti esperienze e le accumula portandole a galla in un "istante particolare" che coincide, guarda caso, con gli ultimi attimi di un fine anno.

La chiusura dell'anno corrisponde quindi, per molti, ad un momento di catarsi dove ogni pensiero, ricordo o proposito si coagulano in un concentrato di sentimenti e stati d'animo dove lo scopo unico è quello di proiettarli verso un ignoto ma agognato futuro con la concreta speranza che quel futuro possa dar loro delle energie positive e delle serenità d'animo che non hanno ancora avuto il piacere di assaporare. La tendenza è dunque quella della proiezione verso un tempo che ancora non esiste per ottenere qualcosa di auspicato ma ancora assai incerto.
Un maestro orientale di arti marziali disse una volta una frase che non dimenticherò mai. Disse che il futuro lo possiamo costruire attraverso il nostro presente e che la gente comune non ha la tendenza a vivere il "proprio" presente. Questo fenomeno, per chi è ormai abituato da tempo ad allenare la mente ed il corpo verso una condizione assai diversa, si rende sempre più evidente nella società in cui viviamo. Le persone corrono sempre verso qualcosa che prelude ad un dopo. Si parla al presente ma sempre di un futuro...domani, dopodomani, tra una, due settimane e così via. La tendenza è quella di "pianificare" ogni istante della vita per un dopo. Nessuno ha più tempo per fermarsi e magari mettersi seduti su una poltrona oppure passeggiare in un giardino sotto casa e occuparsi di se stessi ed del proprio stato "presente". Nessuno dice mai " Oggi sto con me stesso...". Ascoltare il proprio respiro, il cuore che batte, le arterie che pulsano e volgere lo sguardo dentro noi stessi per comprendere meglio chi siamo e cosa ci aspettiamo da noi stessi. Vivere il presente nelle nostre azioni senza fuggire verso un futuro incognito. Dedicare ogni giorno del tempo al culto di noi stessi senza occuparsi per un pò di tempo ad altro e stare in una sorta di immobilità contemplativa dove col tempo si impara a portare la mente al vuoto ed assaporare il nostro meraviglioso stato psicofisico. Tutto questo, che per molti è sinonimo di perdita di tempo, in realtà è un consumo prezioso del nostro tempo, un tempo che non ci verrà mai più restituito e che ci porterà rapidamente ad invecchiare senza conoscere i segreti che ci riguardano intimamente. Ed ecco che, trascorso un anno, tutti si ritrovano ad un appuntamento con se stessi dove si fanno bilanci e si tirano somme. Si fanno buoni propositi e ci si concede qualche attimo per godersi un presente che durerà davvero poco. Dopo una notte quasi insonne, il giorno dopo riappare e tutto torna esattamente come prima. Si ritorna a correre ed a fuggire dal presente e si riperde il contatto con il proprio io e la follia sociale riparte e nessuno ha più tempo per sè e spesso nemmeno per gli altri. Il vero progresso non è questo consumo temporale che fa la concorrenza al consumismo materiale. Il suggerimento che scaturisce è quello di volgere lo sguardo verso i nostri vecchi di una volta che sapevano godere il presente nella loro vita talvolta umile e difficile, dove un sorriso aveva più valore di un denaro. In palestra faccio allenare lo stato mentale del presente ed gli allievi spesso non comprendono e vivono l'arte marziale come qualcosa da imparare a memoria. L'arte ha sì una fase di apprendimento, talvolta lunga e sofferta, ma alla fine la vera arte è essere capaci di percepire il presente e reagire senza difficoltà facendo le cose più giuste. Gli animali ci insegnano tutto ciò e non sanno di essere dei veri maestri. Quando mai una tigre od un rapace devono "pianificare" la propria vita e la loro soppravvivenza? Vivono il presente attraverso istinti antichi che li portano verso una meta precisa, un compito che la natura ha affidato loro. E noi conosciamo i compiti assegnatici da madre natura?
Quindi, invece di aspettare un anno per fare propositi e progetti sul domani, costruiamo oggi quel che giorno per giorno sarà un futuro meno sconosciuto, non pianificato, ma vissuto attimo dopo attimo e certamente diventeremo persone migliori di quanto non siamo ora, perchè forse avremo imparato anche a conoscere quel grande sconosciuto che è in noi e da cui fuggiamo spesso per tutta un'esistenza. Anche questo è karate e allenarsi non è dunque solo un fatto fisico ma ci permette nel tempo di comprendere anche queste verità della vita. OSU....

Lorenzo Catalano

 
< Prec.   Pros. >
Tutti i diritti riservati. © Karate.It E' vietata ogni forma di copia, estrazione, reimpiego, collegamento ed ogni altro uso non espressamente autorizzato di ogni informazione contenuta in tutte le pagine del sito. Per contattarci:
Tutti i marchi © sono di proprietà dei rispettivi titolari, tutti gli altri contenuti sono © Karate.it.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001.  

All rights reserved. © Karate.it. Any copy,extraction,use,link or other activity inherent the proprietary website's information and not authorized is prohibited. Contact: 
All trademarks are © their respective owners, all other content is © Karate.it.
 
Powered by Joomla

Design by © 2004 karate.it
Annuncio Pubblicitario